Il capodanno dell’estate… in villaggio

Nelle frenetiche settimane che precedono il Ferragosto si usa dire tra gli animatori: “quando passeremo il 15 di agosto sarà tutto in discesa!”.

Anche se totalmente sbagliata, la sensazione che si prova è esattamente questa: nonostante alla chiusura dei villaggi manchino ancora due mesi, una volta passato il Ferragosto la stagione sembra finita. Ma durante quel periodo, è facile vedere gli animatori saltare come cavallette impazzite su e giù per il villaggio per appendere le decorazioni, sistemare gli ultimi dettagli e fare notte fonda per provare e riprovare lo show più importante della stagione. Impegno, lavoro di squadra e dedizione, che accompagnano gli animatori per tutta l’estate, si intensificano durante queste settimane così importanti. Ma credo che in fondo il bello sia proprio questo: anche se tutta la preparazione del tanto atteso evento richiede un lavoro durissimo, rimane un’esperienza estremamente divertente e gratificante, che noi animatori amiamo vivere appieno e insieme.

Perché l’ho definito il “Capodanno dell’estate”?

Per me, nata e cresciuta a Rimini, Ferragosto è sinonimo di gite fuori porta, grigliate al mare, cocomerate, aperitivi e soprattutto feste in tutta la Riviera. Ma da quando lavoro come animatrice, ho capito che ciò che si organizza a Rimini è niente rispetto a quello che si prepara in villaggio.

Per chi non ha mai fatto l’animatore o, molto più semplicemente, non ha mai passato una vacanza in un villaggio turistico italiano, è davvero difficile pensare che il Ferragosto venga visto come il Coachella in America. Invece è così, è l’evento della stagione per eccellenza. Due settimane di giochi, eventi organizzati ad hoc, spettacoli e attività, che gli ospiti amano e aspettano per tutta l’estate. Molti, per non perdere tutto quello che l’animazione organizza, prenotano di proposito in quel periodo. Per poi partecipare con così tanta enfasi e con così tanta competizione, come se il premio in palio fosse del denaro. E invece no, si vince solo la gloria e la soddisfazione, una volta a casa, di poter dire ai propri amici: “quest’anno ho vinto i giochi di Ferragosto!”. Anche se, nella maggior parte dei casi, non verranno capiti.

Ferragosto in un villaggio italiano

Nei villaggi turistici in Italia, o all’estero purché accolgano ospiti ed animatori italiani, il Ferragosto viene sempre festeggiato in grande. Anzi, in molte occasioni tutto quello che si prepara durante la stagione, viene fatto proprio in funzione di quella giornata.

L’impostazione delle due settimane che precedono il 15 di agosto è più o meno simile dappertutto: il villaggio viene suddiviso in zone, da ogni zona viene formata una squadra di ospiti guidata da un team di animatori, viene deciso un tema e vengono inventati giochi ed eventi di ogni tipo. Show con gli ospiti, party (color, Nutella®, hawaiian, schiuma, gala ecc.), gare di addobbi, sfilate a tema, olimpiadi sportive, tornei, aperitivi, giochi in piscina, e chi più ne ha più ne metta. Tutto è curato nei minimi dettagli, per stupire adulti e bambini. E se solitamente si fatica a trovare dei partecipanti per il classico torneo settimanale, durante queste settimane gli ospiti sono tra i più agguerriti e serve persino un animatore travestito da arbitro per calmare gli animi più competitivi.

Come viene considerato il Ferragosto, invece, nei villaggi internazionali?

La risposta più giusta credo sia: non esiste.

Perché è la pura verità. Gli ospiti stranieri non sanno neanche cosa sia il Ferragosto, o per lo meno non come lo intendiamo noi. Ricordo che quando lavoravo in Spagna, in hotel e staff internazionali, i miei colleghi stentavano a credere a ciò che gli raccontavo sulla mole di lavoro per noi animatori in quel periodo della stagione.

Ferragosto è una festa tipicamente italiana che prende origine nell’antica Roma, ed è inoltre identificata come celebrazione religiosa dalla tradizione cattolica. Ha poi assunto con il tempo un carattere tipicamente popolare. Anche in alcuni paesi stranieri come l’Irlanda, il Canada, il Sud America e appunto la Spagna, la giornata del 15 di agosto è considerata una festività, ma solo per motivi religiosi.

Quindi, se ti dovessi trovare all’estero in un villaggio internazionale, non sorprenderti se questo giorno verrà considerato esattamente come uno qualsiasi.

Il momento più importante di tutto il Ferragosto è lo show degli animatori

Una coreografa, all’inizio della stagione, cerca già idee per lo show di Ferragosto, considerato il più importante e il più gratificante per i tanti sacrifici e sforzi fatti. Molto spesso tra le prime cose che si affrontano con il capo equipe durante l’apertura, c’è proprio la preparazione di questo spettacolo. Non che tutti gli altri show o spettacoli siano meno importanti, perché allora gli ospiti che vengono in tutti gli altri periodi dell’estate come dovrebbero sentirsi? Però mentirei se dicessi che a quello di Ferragosto non viene data un’attenzione speciale e una maggiore cura dei dettagli. Numeri con il fuoco, effetti speciali, palloncini da liberare in aria, fuochi d’artificio… questi sono solo alcuni degli assi nella manica che si custodiscono segretamente fino a quella sera.

Come scrivo nel mio articolo “La valigia dell’animatore turistico”, è proprio quello il momento in cui noi animatori tiriamo fuori dalle valigie il nostro vestito migliore, e con il sorriso di sempre ci prepariamo a far emozionare e ad emozionarci. Perché il Ferragosto in villaggio è soprattutto questo: un momento magico che alla fine esplode in un mare di soddisfazioni. Tutte le ore di sonno perse, le prove infinite e le sclerate del momento, saranno ripagate dai sorrisi degli ospiti, dal loro apprezzamento e dai loro ringraziamenti. E durante quell’applauso (che si spera non sia l’ultimo della stagione!), il tempo sembrerà fermarsi e ti renderai conto dell’importanza di una squadra; capirai che la forza è proprio lì. Il Ferragosto in villaggio non sarebbe così bello se dietro non ci fosse un team unito e compatto con cui emozionarti quando il sipario si chiude e l’adrenalina scende. Per chi non fa questo lavoro è davvero difficile capire il mix di sensazioni che un momento del genere sa regalarti, ma vi posso assicurare che è un sentimento così forte da farti dimenticare tutte le difficoltà in un attimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: