Quali sono i ruoli in un’equipe d’animazione?

Oggi tratteremo un argomento molto importante per chi muove i primi passi nel mondo dell’animazione. Se avete letto il mio articolo “5 trucchi per diventare un buon animatore” vi ricorderete sicuramente che una delle prime domande che vi fanno i reclutatori quando arriva la chiamata è: “Che ruolo ti piacerebbe ricoprire?”. Solitamente c’è chi ha le idee già molto chiare e si tuffa su un ruolo specifico e chi invece ancora non sa bene che direzione prendere e a seconda delle sue skill e preferenze viene poi indirizzato. Andando più nello specifico i ruoli dell’animazione turistica sono tanti e, a seconda della grandezza del villaggio, si suddividono in settori. Ogni settore fa riferimento ad un responsabile, che a sua volta si interfaccia con il grande capo. 

Portando come esempio uno dei villaggi più grandi dove ho lavorato, vorrei suddividere i settori in questo modo: 

Mini-club 

L’animatore del mini-club si occupa di intrattenere con laboratori, giochi e attività ricreative tutti i bambini – solitamente dai 4 ai 9 anni – presenti in villaggio. È uno dei ruoli di maggiore responsabilità che si occupa degli ospiti più piccoli a tutto tondo, a volte anche durante i pasti oppure organizzando pigiama party. 

Sempre di questo settore fanno parte anche altre due categorie:

  • lo young-club, settore dedicato alla fascia d’età dai 9 ai 12 anni;
  • lo junior-club settore invece, in cui l’animatore che ne fa parte, accompagna i ragazzi dai 12 ai 18 anni a tutte le attività sportive presenti in villaggio. 

Questi 3 ruoli fanno riferimento a un unico responsabile di settore che gestisce tutta l’organizzazione dei ragazzi e la programmazione di feste a tema, mini-show, sfilate e babydance. È in connessione con il capo supremo per organizzare tutte le attività extra e risolvere i problemi che riguardano tutto il settore. L’ultimo componente di questa famiglia è l’immancabile mascotte – ogni villaggio ha la sua – adorata da tutti i bambini. Prende parte alla baby dance e festeggia il compleanno una volta a settimana. 

Sport

Nei villaggi con staff da 30-35 persone le attività sportive richieste sono numerose. Tennis, nuoto, tiro con l’arco, calcio sono solo alcune di quelle che si possono trovare in strutture ricettive molto grandi. Ci sono lezioni collettive aperte a tutti suddivise in fasce d’età e c’è la possibilità di prenotare lezioni private per gli appassionati. In alcuni villaggi troviamo anche il centro fitness. Questa categoria fa sempre parte del settore dello sport ed è solitamente guidata da un vero e proprio “professionista della palestra” con esperienza in attività come: crossfit, fit-boxe, step, functional training e spinning. Anche qui troveremo un responsabile di settore pronto a risolvere qualsiasi problema si presenti. Si occuperà della supervisione dei ragazzi, del controllo dei materiali, della gestione degli impianti sportivi e dell’organizzazione di attività extra – che è possibile trovare in villaggio – come ad esempio il bubble football o il paintball.

Contatto

Arriviamo al settore del contatto. Tutti gli animatori che hanno questo ruolo sono un po’ il fulcro dell’equipe. Coloro che si interfacciano maggiormente con gli ospiti, che promuovono il programma dell’animazione e spesso e volentieri si occupano anche di tutte le attività in spiaggia come acquagym, risveglio muscolare, zumba e yoga. Organizzano tornei di beach volley, bocce e carte. I loro migliori amici sono il microfono e la sigla, che ballano assieme agli ospiti almeno 4 volte al giorno. Fanno riferimento al responsabile diurno che, come dice la parola, si occupa di tutte le attività della giornata in villaggio turistico. 

Nautica

Questo ruolo potrebbe benissimo essere inglobato nello sport, però nei villaggi più grandi è un vero e proprio settore a parte. Il nautico è un “esperto del mare”, colui che si occupa di tutte le attività che hanno a che fare con l’acqua. Sono istruttori di canoa, windsurf, sup e organizzano, dove è possibile, anche escursioni in catamarano o barca a vela. 

Un settore invece, che mi sta molto a cuore, anche se solitamente non fa parte dell’animazione, è quello del diving composto da coloro che accompagnano gli ospiti alla scoperta delle meraviglie marine.  

Hostess

Questo settore si occupa principalmente di burocrazia: prenotazione dei campi sportivi, noleggio dei materiali, inventari, vendita dei prodotti della boutique, pagamenti. In alcuni villaggi troviamo anche il ruolo dell’assistente che, a differenza della hostess, accompagna anche gli ospiti in escursione, si occupa dell’accoglienza in aeroporto e risolve tutti i problemi logistici legati a partenze e arrivi. Questo settore fa parte della famiglia dell’animazione anche perché chi ricopre questo ruolo molto spesso poi prende parte anche agli spettacoli serali degli animatori.  

Serale

Lo so, non dovrei essere di parte, ma questo è uno dei preferiti.  In questo settore troviamo: 

  • lo scenografo. Colui che si occupa di inventare e costruire, come dice la parola stessa, le scenografie di tutti gli spettacoli che vengono montati durante la stagione. È una persona dotata di grande manualità e creatività; 
  • il tecnico audio – luci invece è un vero e proprio maestro dei cavi e tutti i tasti che ci sono su un mixer non lo spaventano. Segue la regia di ogni spettacolo con il compito di renderli speciali con i giochi di luce; 
  • il coreografo. È quella persona che pensa a uno spettacolo dalla A alla Z: copioni, musiche, idee, coreografie sono gli ingredienti delle sue giornate. Ha un punto in comune con gli animatori del mini-club e in realtà con un po’ tutti i ruoli: la pazienza. Deve averne tanta per insegnare, molto spesso nelle ore notturne, le coreografie a tutto lo staff; 
  • L’animatore del piano bar si occupa dell’intrattenimento musicale in villaggio. Si esibisce di solito in punti diversi ogni sera e organizza anche serate a tema supportato da altri animatori.  

In alcune strutture possiamo anche trovare le figure del performer – di solito specializzato in un’arte specifica – il direttore artistico – che si occupa dell’organizzazione di ogni dettaglio del teatro –  e la costumista, protagonisti del settore serale. 

Grandi capi 

Eccoci arrivati in cima alla piramide. Tutti i responsabili di settore fanno riferimento ai capi supremi, come piace chiamarli a me. Prendendo sempre come esempio un villaggio grande, fanno parte di questa famiglia due figure: 

  • il capo animazione. Una persona solitamente dotata di grandi capacità comunicative, apertura mentale, disponibilità e autocontrollo. Gestisce e coordina tutta l’equipe, filtra e risolve ogni tipo di problema, ed è colui/colei che solitamente dirige e presenta le serate in teatro. Braccio destro della figura del capo villaggio; 
  • Il capo equipe o capo villaggio è il direttore d’orchestra; la persona che si relaziona con la direzione del villaggio, i capi servizio e la sede centrale. Insieme al capo animazione gestisce l’equipe e i programmi. Tra le sue doti spiccano organizzazione, spirito di sacrificio e inventiva. 

Credete ancora che entrando a far parte del mondo dell’animazione turistica non ci sia possibilità di crescere e fare carriera?  È proprio il contrario: si parte da un ruolo base e con impegno e dedizione si possono raggiungere ruoli di grande responsabilità. 

Confucio aveva ragione: “scegli un lavoro che ami, e non dovrai lavorare neppure un giorno in vita tua.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: